Sessione di fard di marzo

Pippiwind ci ha gentilmente concesso di pubblicare le sue parole e noi scegliamo di condividerle con voi oggi, nella Giornata Internazionale delle donne. Pippi è una donna forte, che sui social racconta la sua storia e la sua storia è fatta di micetti simpatici, di musica, di moda… e di trasfusioni (il suo personalissimo fard). Pippi per poter avere “il suo fard” necessita degli “eroi del fard”, tutti quei donatori che tendono il braccio in maniera gratuita, anonima, volontaria e responsabile. Vogliamo lasciare la parola a lei e alle emozioni che sta vivendo in questi giorni…

Sessioni di fard di marzo – Trasfusione ai tempi del Coronavirus

Dipendere dagli altri non è mai semplice, se poi sei una maniaca del controllo le cose si complicano ed è probabile che la cosa ti pesi ancora di più. Il futuro crea sempre ansia, a maggior ragione quando non è possibile risolvere autonomamente i propri problemi. Le certezze crollano miseramente quando non sei in tutto e per tutto padrone del tuo destino. Vogliamo aggiungerci anche un pizzico di ipocondria? E figurati se ce la facciamo mancare.
Aggiungiamo un nuovo ingrediente che così, dal nulla, decide di rimescolare le carte (siccome ci annoiavamo a oscillare tra carenza ed emergenza).
A venirne fuori è un film quasi apocalittico, dove le paure e le incertezze cercano di prendere il sopravvento e la frase “ma se…” (senza neanche il coraggio di finire il pensiero) “che ne sarà di noi?” rimbomba in un angolo della testa. Perché quando si presentano questi scenari, chi riceve un dono così prezioso che serve (senza sostituto alcuno) per vivere, non può non soffermarsi a pensare a cosa potrebbe accadere, nell’immediato futuro e a lungo termine. La ragione prova a rasserenarci, a tenerci lucidi, ci spiega punto per punto la situazione reale, ci distrae …le tenta tutte. Diventa faticoso fare appelli a persone che in questo momento a loro volta hanno altre preoccupazioni per la testa, perché ansia, paura e film in 3D non risparmiano nessuno. C’è da dire però che il “si salvi chi può” alla rinfusa, sull’onda del panico, non ha mai portato a nulla di buono quindi forse dopo averci ragionato un po’, controllato la vostra agenda provando ad eliminare momentaneamente il superfluo, rivedere i vostri spostamenti cercando di riguardarvi il più possibile (che poi male non fa, mai), fatto la spesa con moderazione, potreste anche trovare il tempo per la donazione. Potrebbe essere persino il momento buono per effettuare la prima dato che le mancanze da sopperire in questo periodo sono tante, troppe. Perché se il Coronavirus, per quanto faccia paura è ancora un’incognita, il fatto che senza sangue non si possano curare e salvare moltissime persone è una certezza.

Io in questo momento quasi surreale ma che vorrei caricare di tiepido ottimismo ho deciso che darò una possibilità alle penne lisce.
(Non é vero)

#DonatoriDiFard

 

Abbiamo scelto di dare la parola a Pippi perché sappiamo che non c’è regalo più grande che potremmo fare, nella Giornata Internazionale delle Donne, che renderci d’aiuto per tutte quelle donne (e quegli uomini) che ne hanno bisogno. Noi siamo questo: donatori di sangue, e non possiamo festeggiare senza tener conto che tanti, in questi giorni, stanno soffrendo, anche emotivamente, all’idea che le scorte di sangue si assottigliano sempre di più. 

In questi giorni in cui si sente parlare di “emergenza sangue”, come FIDAS vogliamo ribadire che non crediamo esista veramente “il donatore-eroe”, crediamo che esistono delle persone che con le proprie umane debolezze, che nonostante le proprie fatiche e le proprie difficoltà, alzano il telefono e contattano il Servizio Trasfusionale più vicino per poter prenotare la propria donazione. Semplici uomini e donne che sanno fare veramente la differenza per chi ha bisgono. Per Pippi e per tutte le donne e gli uomini che, come Pippi, necessitano di terapia trasfusionale. Sono 1.800 i pazienti che ogni giorno, in Italia, hanno bisogno di trasfusioni. Nella Giornata Internazionale della Donna alziamo il telefono e contattiamo il nostro Servizio Trasfusionale di riferimento, prendiamo appuntamento, e poi andiamo a donare. Facciamolo #PerPippi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...